mercoledì 11 aprile 2012

Lettera alla CGIL

Lettera inviata all'ufficio reclami del CAAF CGIL di Borgo dei Greci a Firenze


Buongiorno, 
questa mattina sono stato al CAAF presso il centro servizi in Borgo dei Greci per la compilazione del 730. Sono un lavoratore dipendente con contratto a progetto e, per la cronaca, guadagno 1000 euro netti al mese. Oltre al CUD dell'azienda dove lavoro avevo da presentare un secondo CUD per una prestazione occasionale presso altra azienda (per un compenso di 500 euro lordi) e qualche scontrino di farmaci e visite mediche. Al termine dell'operazione - che è durata meno di 30 minuti, dalle 8.40 alle 9.05 - mi è stato presentato un conto di 70 euro. L'anno scorso, sempre al CAAF CGIL, a Prato, avevo pagato 25 euro, e la mia dichiarazione di allora aveva le stesse identiche caratteristiche di quella odierna (due CUD e qualche scontrino di cose mediche). 
Ho chiesto lumi e ho scoperto che se si presentano due diversi CUD e degli scontrini medici il costo del servizio sale (parecchio), e probabilmente l'anno scorso hanno fatto "un errore". Il bello è che, data la documentazione che ho portato, quest'anno recupererò 3 (tre) euro per il recupero delle spese mediche (ammontanti a 149 euro). 
Dunque. Recentemente ho avuto a che fare con Equitalia, per via di vecchie multe non pagate; ma neanche con loro mi sono sentito preso per i fondelli e rapinato come questa mattina alla CGIL. 
Credevo che la CGIL stesse dalla parte dei cittadini e soprattutto dei più "deboli", come si suol (o soleva) dire. Perché allora l'impiegata, vista la penuria degli scontrini medici -  non mi ha consigliato di non presentarli affatto? La CGIL si è presa da me 45 euro (oltre ai 25 per il 730 "base") soltanto per farmi avere 3 euro di rimborso dallo Stato. E' questa la CGIL? Un organismo che si auto-foraggia a scapito di chi non arriva a fine mese e non sa più dove sbattere la testa?
Grazie. Non tanto per il furto materiale (non ci crederete, ma per qualcuno 70 euro sono una piccola fortuna: ma comunque, niente pizza e niente cinema per due o tre mesi e il problema economico è presto superato), quanto per la distruzione anche degli ultimi ideali. Evidentemente le battaglie per gli ideali si fermano all'articolo 18 (buon per chi ce l'ha) e alle comparsate televisive o di piazza.
Fine del mio rapporto con la CGIL. Cordiali saluti.
Carlo Cuppini

2 commenti:

  1. che brutta cosa Carlo, mi dispiace tanto..

    RispondiElimina
  2. a quanto so, dovrebbero ricevere dei finanziamenti "a cottimo ", un tot a 730 o modello isee vel similia (fonte:caf di base della cub). inoltre, se pensi che in cgil assumono con contratti precari (due miei amici sono in questa situazione) il cerchio è chiuso..

    RispondiElimina