sabato 7 settembre 2013

venti di guerra


presto s’involeranno le promesse
angeli d’acciaio senza pilota
diretti ancora una volta verso Est
a duemila chilometri al secondo
portando in carico il male minore
da sganciare sulla terra riarsa
come semenze riempite di sale
per ricucire le ferite
e le nostre palpebre offese
per cancellare il dolore
e chi lo prova

la terra concimata in questo modo
butterà germogli di alberi nuovi
i cui fiori sono ossi di morto
le cui foglie di notte cambiano
l’ossigeno in gas sarin così sia

in seguito regnerà il grande bene
ma noi non lo potremo vedere